•  

Agile @Scale: Hello World!

A session at Italian Agile Days 2013

Saturday 30th November, 2013

2:30pm to 3:15pm (CET)

Scopo di questa sessione è quello di illustrare l’applicazione di Agile in un contesto @Scale, descrivendone le potenzialità e l’adozione in contesti aziendali particolarmente ostili ai metodi Agili, grazie ad una loro applicazione diretta.

Quanti di voi, professionisti impegnati nelle gestione del produzione del software, si sono sentito dire dal responsabile della propria (nuova) azienda: “l’Agile non si applica al nostro contesto” oppure “dobbiamo quantomeno adottare un approccio ibrido (leggasi water-scrum-fall) perché abbiamo bisogno di strumenti di controllo/valutazione del team”?
Probabilmente tutti!
E per quanto si tenti di spiegare in modo semplice e conciso che un approccio Agile non è “un insieme di best practice” ma una metodologia ben definita, organizzata e che, a fronte di un effort di applicazione tutt’altro che irrilevante, la sua adozione porterà ad una nuova cultura aziendale e ad un miglioramento dei risultati produttivi, convincere lo “sponsor” aziendale, oltre che colleghi e stakeholder vari, è tutt’altro che semplice.
Dal punto di vista del management, le metodologie Agili “pure” risultano spesso inadeguate e, paradossalmente, le metodologie “tradizionali” (da Waterfall al modello a Spirale) sono strutturate in modo più robusto per accompagnare l’intero Application Lifecycle Management (ALM). Ciò è tanto più vero, quanto più l’azienda è legata ad un approccio che predilige il pattern “command-and-control”. O almeno questa è l’illusione che si ha e che deriva da decenni di relativa applicazione… nonostante i decenni di relativi fallimenti!
Inoltre le metodologie Agili si concentrano sulla produzione di Valore, ma tale termine viene spesso assimilato alla produzione di codice, che se da un lato è il vero risultato del lavoro di una tipica azienda IT, dall’altro non è detto che sia l’unico costrutto a produrre valore. Un esempio: se gli stakeholder (non il solo Cliente!) richiedono un documento che descriva l’Architettura, tale documento è di per se un Valore e non c’è nessun motivo per sottovalutarne l’importanza, tutt’altro.
Per superare tali ostilità e convincere la propria azienda ad adottare Agile, è possibile estenderne il relativo campo d’azione, utilizzando framework come DAD (Discplined Agile Delivery) o SAFe (Scaled Agile Framework) per abbracciare l’intero ALM.
Il talk si basa sull’esperienza diretta di applicazione di DAD all’interno della mia azienda, fortemente burocratizzata e legata a procedure spesso complesse e di opinabile efficienza.
Il talk sarà suddiviso in tre parti primarie:
- Dall’Agile ai framework/metodologie @Scale;
- DAD, SAFe e gli altri;
- L’applicazione pratica.
Il talk mira a porre le basi per consentire di rispondere alla domanda: “come adottiamo Agile nella nostra impresa tenendo presente la necessità di avere una visione d’insieme del ciclo produttivo?

About the speaker

This person is speaking at this event.
Felice Pescatore

BTO Research Manager bio from LinkedIn

Sign in to add slides, notes or videos to this session

Tell your friends!

When

Time 2:30pm3:15pm CET

Date Sat 30th November 2013

Short URL

lanyrd.com/scrtpy

View the schedule

Share

See something wrong?

Report an issue with this session